Economia | 03 aprile 2024, 07:54

Così la Valle d'Aosta può divenire 'wedding destination' sui mercati esteri

Da sn, tra le modelle, Fabio Ridolfi (Fondazione Green Weddings), Salvatore Addario (CNA Turismo Valle d’Aosta), Armando Soldaini (Fondazione Green Weddings) e Giorgia Vigna Lasina (Giovani albergatori Adava)

Da sn, tra le modelle, Fabio Ridolfi (Fondazione Green Weddings), Salvatore Addario (CNA Turismo Valle d’Aosta), Armando Soldaini (Fondazione Green Weddings) e Giorgia Vigna Lasina (Giovani albergatori Adava)

Da giovedì 21 a lunedì 25 marzo si è svolto a Roma l’International Wedding Summit, evento unico nel suo genere, promosso dalla Fondazione Green Weddings ETS, nata con l’obiettivo di valorizzare il Made in Italy favorendo la celebrazione di matrimoni in Italia.

Per la Valle d’Aosta, all’appuntamento hanno partecipato la presidente dei Giovani Albergatori dell’ADAVA, Giorgia Vigna Lasina e il presidente di CNA Turismo, Salvatore Addario, oltre a più di duecento professionisti del settore tra wedding planner, agenti di viaggio, blogger, influencer, rappresentanti delle associazioni internazionali di Event Planner e LGBTQ provenienti dai principali mercati esteri.

“Stiamo lavorando per portare quest’evento in Valle d’Aosta nel 2025 – spiegano Giorgia Vigna Lasina e Salvatore Addario ­­– perché crediamo sia importante promuovere la nostra regione anche come wedding destination: location come Skyway Monte Bianco, le chiese e i castelli, i punti panoramici immersi nella natura e tra le montagne, gli hotel e i ristoranti di alto livello sono il contesto ideale per organizzare matrimoni da favola”.

“L’obiettivo di questo progetto, che ha l’intenzione di coinvolgere gli Assessorati regionali competenti, la Chambre valdôtaine e tutti gli operatori del settore, è di far conoscere all’estero il territorio valdostano, i prodotti enogastronomici, le aziende agricole e le attività produttive. Oltre a essere interessante per gli operatori, il mercato dei matrimoni può diventare un veicolo di promozione della nostra regione nel mondo”, continuano Vigna Lasina e Addario.

Secondo gli organizzatori dell’International Wedding Summit, il 20 per cento dei futuri sposi sogna di celebrare il proprio matrimonio all’estero, e l’Italia sembra essere una delle destinazioni più ambite: le presenze turistiche collegate al wedding sono più di due milioni, con un fatturato di oltre 599 milioni di euro, e gli arrivi da USA, UK, Australia, Emirati Arabi, Canada, India sono 619 mila, con un trend in aumento del 15 per cento nel 2024.

red.laprimalinea.it - info Adava

Ti potrebbero interessare anche: