Politica | 30 marzo 2024, 20:42

PCP, 'si poteva evitare bocciatura della Consulta su esclusione stranieri da mutui casa'

PCP, 'si poteva evitare bocciatura della Consulta su esclusione stranieri da mutui casa'

Con la sentenza n. 53 pubblicata venerdì 29 marzo, la Corte costituzionale stabilito l'illegittimità e il carattere discriminatorio dell'art. 80 della legge regionale  valdostana n. 3 del 2013 "Disposizioni in materia di politiche abitative", laddove stabilisce il requisito della cittadinanza italiana per l'accesso ai mutui agevolati per il recupero di fabbricai nei centri abitati.

Sull'argomento il gruppo consiliare di minoranza PCP era intervenuto lo scorso anno, nell'ambito della discussione di una interpellanza nel consiglio dell'11 maggio, depositata dalle consigliere Chiara Minelli ed Erika Guichardaz dopo che il Tribunale di Torino aveva contestato il requisito della residenza quinquennale per l'accesso ai mutui per la prima casa.

"Prima ancora, con un'altra interpellanza - si legge in una nota di PCP - nel dicembre 2021, avevamo contestato il bando affitti della Giunta, che in alcune sue parti era stato dichiarato discriminatorio nei confronti dei cittadini stranieri e per cui, a seguito di discussioni in Consiglio regionale fin dal 2019, di segnalazioni e ricorsi di associazioni, il Tribunale di Torino aveva emesso una ordinanza di modifica. In tali occasioni avevamo sollecitato il Governo a rivedere i requisiti per i due bandi e a tenere in maggiore considerazione le richieste del Tribunale torinese, valutando anche una modifica della legge del 2013, e all'art. 80 in particolare".

Il Presidente Testolin aveva risposto a PCP "che la finalità della legge regionale 3/2013 è il sostegno all'industria edilizia e il recupero di centri e nuclei abitati d'interesse storico e ambientale e non già alle finalità di tipo sociale, "chiudendo così la porta  - si legge nella nota - alla nostra richiesta e opponendo, come spesso accade, un muro di ostilità a proposte di buon senso. Ma ora a pronunciarsi non sono due consigliere - 'i 2/35 esimi del Consiglio Valle' - o i famigerati comitati, bensì la Consulta, il più importante organo di garanzia costituzionale".

L'auspicio di PCP è quindi "che, finalmente, si metta mano alla legge per adeguarla alle disposizioni anti discriminatorie della Corte e che ai futuri bandi per mutui e affitti possano accedere tutti i cittadini senza distinzione di Paese di provenienza".  

red.laprimalinea.it

Ti potrebbero interessare anche: